Designed by Flavio ·  All Rights reserved  ·  E-Mail: info@automoto900.it
Piaggio Vespa 125 ET3
Questo esemplare č del nostro socio Gianni
Piaggio Vespa 125 ET3 - La Vespa dei sedicenni
L’epopea della Vespa inizio' nel 1946 grazie all'ing. Corradino D'Ascanio, progettista di formazione aeronautica, cui fu richiesto di realizzare un mezzo completamente diverso dalle motoleggere dell'epoca, innanzitutto per il tipo di telaio a scocca portante in lamiera d'acciaio che offriva protezione al conducente, per il motore montato lateralmente a sbalzo e carenato per non rischiare di sporcare gli abiti del conducente, e per le piccole ruote da 8 pollici.
La prima Vespa aveva un motore a due tempi di 98 cc da 3,2 cavalli, cambio a tre marce a manopola, accensione a volano magnete, e una velocita' massima di 60 km/h. Nei primi mesi del 1948 la Piaggio presento' un nuovo modello, la mitica Vespa 125, che si affermo' subito e sostitui' in breve tempo la Vespa 98.


A questa seconda linea fa capo la fortunata serie Primavera, nata nel 1967 ed evolutasi nel 1976 con il modello ET3, uno dei modello piu' longevi insieme con la successiva serie PX.
La sigla ET3 sta per "Elettronica Tre Travasi", ossia una motorizzazione caratterizzata dall'accensione elettronica, gia' presente sulla 200 Rally e da questo momento adottata da tutte le Vespa, e dal terzo travaso. Il maggior rapporto di compressione e lo scarico derivato dalla 90 SS, consentono a questo modello di sfiorare i 90 km/h, pur con consumi ridotti (circa 50 k con un litro).
Sotto il profilo estetico, sulla parte posteriore delle scocca - ovviamente metallica - e sui parafanghi sono applicati delle strisce adesive (con a sinistra la scritta "electronic" in rosso) a sottolinearne la sportivita'. Le targhette sopra il faro posteriore riportano la sigla "ET3" in rosso e la dicitura "125 primavera" in bianco su piastra nera piu' in basso.
La produzione della ET3 e' cessata nel 1982 quando e' stata sostituita dalle serie PK.

La versione qui raffigurata e' del 1978 ed appartiene al socio Gianni.

Dati principali:

Cilindrata: 121 cc
Potenza: 7 cv
Velocita': 86 km/h
La cilindrata di 125 da questo momento in poi ha rappresentato un classico per lo scooter della casa di Pontedera.
A partire dal 1965 con tale cilindrata sono state proposte due linee di carrozzeria, una piu' simile ai modelli di cilindrata superiore e una, piu' snella, ripresa dalla piccola Vespa 50.